I workaholic, così detti maniaci del lavoro, la sindrome da workaholism utilizza un termine inglese per indicare una stato di ubriachezza, un’eccessiva dedizione al lavoro. Il termine deriva dalla stretta analogia che questa patologia intrattiene con l’alcoldipendenza, essendo il comportamento tossico del workaholic molto simile a quello dell’alcolista.

Nella sindrome da dipendenza da lavoro i workaholic evidenziano un comportamento ossessivo- compulsivo, lavorando incessantemente fino a sentirsi intrappolati nel lavoro.

Fino a 50 anni fa un workaholic veniva defintito stacanovista, venendo addirittura apprezzato per il forte senso del lavoro. Questi soggetti restando invisibili e mimetizzati nella società, ricevendo ancora un forte consenso sociale.

Il riconoscimento di questa condizione patologica si sta diffondendo anche in Italia, la prevalenza del fenomeno è stimata dal 5% al 20% nella popolazione lavorativa. I gruppi professionali più colpiti sono i menager, psicologi, medici, chirurghi, avvocati e venditori.

Manifestazione del fenomeno

I workaholic rimangono anestetizzati dal lavoro che li rende distaccati emozionalmente anche nelle relazioni affettive e di coppia, fino ad azzerare totalmente il loro desiderio erotico e sessuale. Incapaci di differenziare l’ambito lavorativo da quello personale, restano ubriachi dal lavoro anche nell’week-end, dimenticando i loro impegni familiari, perdeno l’ equilibrio fra le varie sfere della vita personale. Questa situazione di non vita, protratta a lungo produce insoddisfazione ed effetti negativi sulla vita in generale, sulla loro salute psichica in particolare.

Tale disturbo ossessivo compulsivo si manifesta attraverso richieste che il soggetto si autoimpone autodistruggendosi, nell’inpossibilità di autoregolasi sul lavoro si isola sempre più.

I workaholic soffrono sbalzi dell’umore e di adrenalina, i soggettidi solito adrenalino-dipendenti si trovano ad essere aggressivi con i colleghi ed i familiari, concentrati esclusivamente sul successo professionale finiscono stressati ed insonni. Incapaci di mettersi dal punto di vista dei propri familiari vivono in perenne guerra con loro, senza riuscire a sviluppare alcuna empatia nelle proprie relazioni umane.

I workaholic percepiscono il partner come un nemico, fino a condurre la coppia verso un progressivo deterioramento, introducono nel rapporto col partner una totale indifferenza, fino ad esaurirlo. Questa patologia conduce altissime percentuali di divorzio.

Le motivazioni che inducono il soggetto a lavorare sempre più sono diverse: maggior guadagni, carriera, mantenimento del posto di lavoro, la concorrenza, etc …

Si possono in effetti fare straordinari coltivando relazioni affettive e godendo del tempo libero, poichè esistono effetti positivi dell’workaholism, visto come sovrainvestimento sul lavoro, mentre gli aspettii negativi corrispondono alle persone che mettono il lavoro al primo posto, ma sensa provarne gioia.

I lavoratori molto impegnati, mantengono un controllo del loro atteggiamento e sperimentano sul lavoro e a casa sentimenti positivi: soddisfazione, passsione, entusiasmo, (engaged) mentre i workaholic, manifestano ostilità, delusione e sensi di colpa, facendosi intrappolare da richieste impossibili.

I soggetti engaged  provano piacere nel lavorare, mentre i workalcolic sono indotti a lavorare come da una costrizione interna, psichica.

I workaholic possiedono i comuni criteri con i quali si definisce una dipendenza:

la salienza (lavoro come preoccupazione dominante)
le variazioni dell’umore (lavoro come unica fonte di eccitazione
la soglia di tolleranza (incremento continuo della soglia del lavoro per ottenere il livello dell’umore desiderato)
l’stinenza (sensazioni di agitazione fisica e psichica senza lavorare)
il conflitto (l’uso del tempo libero che confligge con le altre aree di vita, incluso le relazioni interpersonali)
la recidiva (ricaduta in condotte di lavoro estenuanti, dopo periodi di relativo controllo)

La sindrome da workaholism, tutt’altro che transitoria, produce esiti disfunzionali assimilabile a quelli di altre dipendenze. Essa prevede numerosi sintomi, spesso male identificati, perchè conformi alle aspettative sociali che esaltano la produttività.

Tali soggetti sempre indaffarati, ansiosi, perfezionisti, non delegano mai agli altri, impulsivi e compulsivi, ossessionati dal lavoro che pensano e rimuginano continuamente, non chiedono permessi, non fanno assenze, consumano poche ferie, raramente sono in malattia e al rientro non prendono convalescenze.

I workaholic, impossibilitati a staccarsi dal lavoro, creano molte difficoltà nelle relazioni di lavoro e di gruppo, pretendono d’ imporre i ritmi di lavoro ai colleghi, creano pressioni elevate e producono un clima di ansia e paura, con risentimenti e conflitti. Stanchi fisicamente e psichicamente, impazienti e irritabili, soffrono un senso di inadeguatezzae con scarsa consapevolezza dei rischi che corrono.

Trattamento della dipendenza da lavoro

I workaholic oltre i loro tratti personali sono la conseguenza degli effetti di un’apprendimento sociale, dove i valori del lavoro e credenze distorte introiettate circa il dovere lavorativo, assumano una centralità eccessiva, a discapito di valori personali.

Le nuove tecnologie sul lavoro: internet e smartphon facilitano il sovraccarico mentale, distorcendo tempi e luoghi, permeano i confini fra lavoro e vita privata, creando una doppia dipendenza dal lavoro e dalle nuove tecnologie.

Il clima organizzativo e competitivo sul lavoro induce condotte di superlavoro, che occorrerebbe contrastare, bilanciando l’esigenze del lavoro con quelle della vita privata.

Offrire ai workaholic una possibilità di Couseling psicologico o di Psicoterapia, centrata sulle strategie di autoregolazione, forme di rilassamento, trainig autogeno (TA), approcci psicodinamici, nonchè gruppi di supporto emotivo e riequilibrio lavoro-famiglia, al fine di una presa di coscienza sulle trappole del sovrainvestimento sul lavoro, al fine di una efficace prevenzione che diffonda un maggiore equilibrio nelle sfere di vita dei soggetti a rischio.

Pin It on Pinterest

Share This
WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi