I disturbi del desiderio sessuale incontrano un vasto scenario di sintomi che variano in ordine di importanza a seconda del fatto che il disturbo sia primario o secondario.
Se il disturbo del desiderio sessuale  è primario, quindi presente da sempre nel soggetto occorre indagare le origini del disturbo e il tipo di apprendimento disfunzionale avvenuto con ogni probabilità nell’infanzia e consolidatosi nel tempo.
La Perdita del Desidero Sessuale Maschile o Desiderio Sessuale Ipoattivo associa paura e angoscia a sensazioni e sentimenti sessuali antichi e riprovevoli.
L’ansia interviene bloccando qualsiasi risposta e desiderio sessuale come difesa soppressiva a priori evidenziando un forte disturbo nell’ambito della sessualità.
Si tratta di un’anestesia sensoriale esterna, ma anche pulsionale, psichica, che non consente alcuna eccitazione verso l’altro, né tanto meno si nutre di fantasie sessuali.
Occorre indagare il tipo di educazione sessuale repressiva ricevuta nell’infanzia o preadolescenza, quando il soggetto all’insorgere della tempesta ormonale ha dovuto silenziare la spinta sessuale.
Questi soggetti che potremmo definire “asessuati” lasciano intravedere un grosso conflitto edipico, che impedisce loro qualsiasi impulso sessuale.

Il disturbo da avversione sessuale

Il disturbo da avversione sessuale rientra a pieno titolo fra disturbi del desiderio sessuale  è un sintomo complesso e caratterizzato dall’assenza di fantasie e desideri sessuali.
L’ ansia che sostiene il sintomo è condizionata da una fobia sessuale associata ad aspetti specifici della sessualità e del rapporto sessuale.
La condotta di evitamento sessuale che si instaura per chi è portatore di tale sintomo mira a neutralizzare l’attivazione ansiosa, percepita come inconsciamente inquietante e quindi insostenibile.
I condizionamenti associati all’avversione sessuale  possono avere diverse origini: atteggiamento genitoriale repressivo verso il sesso, l’educazione sessuale ricevuta a casa, a scuola, in parrocchia, traumi, abusi o violenze sessuali, esperienze relazionali negative, nonché un’ identità sessuale poco delineata o confusa.

Il calo del desiderio sessuale,

Fra i disturbi sessuali, il calo del desiderio è un sintomo sessuale di minor importanza, rispetto all’avversione, sebbene sia spesso portato in consultazione, specie ai giorni nostri.
Un calo del desideriopuò sopraggiungere in qualsiasi età della vita ed é legato agli eventi della vita vissuta dal soggetto, quali: affaticamento, stress, lutti, situazioni depressive…etc.
Sovente il disturbo sessuale, in questo caso il calo del desiderio, è situazionale, legato alle dinamiche della coppia e segnala un disagio profondo nella relazione e nella comunicazione, nonché rabbia e aggressività non elaborata nei confronti del partner.
Coloro che ne sono affetti sono poco motivati alla ricerca di stimoli sessuali, non vivono alcuna fantasie erotica e si dichiarano in tal senso poco recettivi.
Quando compare la Perdita del Desiderio o Calo del Desiderio, gli sfioramenti ricchi di promesse, gioia e eccitazione di un tempo diventano manifestazioni che provocano disagio e irritazione.

Dove si trova il desiderio dell’Altro?

Solitamente si pensa nella forza biologica proveniente dagli ormoni o dal cervello. Ma non è così. Tale energia abita nelle motivazioni individuali, nei desideri, nell’illusioni, nell’ immagini, che campeggiano in ognuno noi.
Una spiegazione fondamentale del disagio la troviamo nella psiche, nell’inconscio, nel mondo misterioso e nascosto del nostro Io.
L’unione di una coppia può contenere aggressività e dolcezza, attività e passività, è fatta di fisicità, ma anche di fantasia di sogni che prendono “vita” nella dinamica e nella comunicazione, anche non verbale della coppia.
Questa magica fusione quando si interrompe può diventare un groviglio di catene, che affatica e blocca il soggetto depositando in slui la sensazione del furto della sessualità.
Share This
WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi