Una giovane coppia con due figli 6 e 9 anni si rivolge al mio studio sessuologico a causa della difficoltà ad avere rapporti sessuali a seguito della comparsa di un disturbo del desiderio, seguito da una difficoltà erettiva.

Il disturbo dell’erezione durava da 5 anni, portando con sè un’eccitazione ed un’ erezione impossibile, espressione del loro profondo disagio a comunicare.

Il lavoro con la coppia si svolge con una cadenza di una seduta per settimana per la durata di mesi sei. Nel corso del trattamento si evidenzia un disturbo nella comunicazione emotiva (meta-comunicazione) .

I partner stringevano fra loro una relazione fusionale e simbiotica, ognuno si riconosceva nell’altro, senza che le due individualità avessero mai avuto modo d’incontrarsi. L’unico legame fra i due era costituito dai figli, per altro sintomatici.

Il disturbo erettivo, nel corso della terapia si trasforma in una richiesta specifica di separazione, richiesta inconscia, sommersa e fino a quel punto mascherata, anche a se stessi.

Durante il percorso terapeutico si percepisce la loro crescita psichica e la presa di coscienza della reciproca infelicità nella coppia.

I partner si trovano ad un punto della loro vita caratterizzato dalla rottura dell’equilibrio precedentemente raggiunto e dalla necessità di trasformare gli schemi consueti, ormai inadeguati, per far fronte alla situazione attuale.

Il disturbo erettivo ora precipito nel suo significato simbolico, precipita nella crisi di separazione, si avverte la presenza di sentimenti di perdita, e le paure sulla loro esistenza: solitudine, abbandono, incertezza, prendono via via corpo.

Si evidenza una forte conflittualità sviluppata dalla rabbia della perdita di ciò che avevano costruito: casa, matrimonio, figli , beni comuni.

La collera rappresenta una resistenza al cambiamento che la separazione comporta. I coniugi sembrano “voler cambiare tutto”, senza “cambiare niente.”

Questa coppia che non è mai effettivamente riuscita ad “unirsi,” autoperpetuandosi in modalità fusionali, sembra ora non riuscire neppure a “separarsi”.

La sessuologa, in quanto terapeuta del cambiamento, non può sottrarsi dal farsi promotrice di una cultura della separazione, utilizzando come freccia al suo arco la Mediazione Familiare che interviene sul conflitto di coppia, nel tentativo di recuperare la comunicazione, accompagnando i partner verso una logica della collaboratività e riattivando in loro le funzioni genitoriale, nella salvaguardia del rapporto genitori/figli.

La trasformazione dei coniugi si gioca attraverso il cambiamento da coppia matrimoniale a coppia genitoriale, superando la conflittualità e liberando i figli dalla contaminazione affettiva che rischiava di renderli schiavi e ammalati, in quanto contenitori delle emozioni genitoriali,

Share This
WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi