Lo stress, questa parola é ormai utilizzata ovunque per indicare uno stato di affaticamento o di dèbàcle, il termine ormai troppo in uso, appare inflazionato e deprivato del suo autentico significato.

Si tratta in verità di un fenomeno importante, molte persone soffrono di disturbi psicosomatici correlati allo stress, che declinano in sintomi espliciti, quali: insonnia, panico, ansia, angoscia, mal distomaco, dermatosi…etc…etc.

Lo stress rappresenta la capacità che ogni individuo possiede di adattarsi alle richieste dell’ambiente in continua trasformazione, siamo tutti costretti,  a procedere verso nuove situazioni, nella perenne ricerca di un  equilibrio migliore.

Allo stress dovrebbe seguire il giusto rilassamento per rigenerare energie, le molteplici fonti di stress pongono il nostro organismo nella posizione di allerta, di attacco e fuga.

Non solo Stress.

Lo stress non è solo nocivo, ha anche una funzione positiva per l’individuo.

Infatti il continuo stato di attivazione predispone l’individuo a molti disturbi psicologici, ma poichè lo stress è il sale della vita occorre imparare a gestirlo per trasformarlo in una risorsa a nostra disposizione.

Gestire al meglio il nostro tempo senza farci inghiottire dal lavoro, rinunciando alle tendenze perfezionistiche che innalzano la nostra personale asticella di stress, con la paura di sbagliare, il giudizio degli altri, il timore di misurarsi, il dubbio di non farcela.

Spesso il desiderio di tenere tutto sotto controllo lascia passare la convinzione di  poter controllare anche lo stress, ma “si controlla tutto per non controllare niente”, in special modo le nostre emozioni. Per alleggerirsi delle preoccupazioni che ci investono quotidianamente è necessario delegare, viaggiare leggeri col bagaglio a mano, occupandoci del “qui ed ora” anzichè per-occuparci prima che gli eventi accadano, evitando di dare troppo spazio alle paure, fantasiae e proiezioni.

La rabbia che scaturisce dallo stress è un’altro sentimento che produce a sua volta ulteriore stress. Questo accade quando non riusciamo a raggiungere i nostri obbiettivi, o quando non li raggiungiamo brillantemente. Siamo sempre costretti a fare i conti con le nostre idealizzazioni, con ciò che “non siamo”, nella difficoltà di sviluppare la coscienza del limite.

La rabbia è sentimento onnipresente ed esce quando ci sentiamo incapaci di gestire al meglio le relazioni con gli altri (colleghi, parenti, amici, familiari) non sentendoci all’altezza delle situazioni che viviamo.

Il nostro rapporto con il piacere  chiama in causa il “sano egoismo”,  ed imparare a volersi bene è un modo efficace per ridurre lo stress.

Dedicarsi a ciò che ci fa star bene riduce il sovra dosaggio di stress che non riusciamo a metabolizzare. Godere del tempo libero, fonte insuperabile di ricarica energetica, dello sport, delle nostre passioni e interessi è tutto ciò che alleggerisce e ammortizza lo stress.

Lo stress che non si riesce a metabolizzare è quello eccedente che diventa distress, cioè stress negativo. C’è al contrario uno stress che produce positività, così detto “eustress”

Lo stress dunque si qualifica come, una presenza inevitabile nella nostra vita, ci costringe a continui adattamenti nei confronti dell’ambiente.

Non è tanto lo stress ad essere un’ insidia patologica, quanto il modo in cui l’affrontiamo.

Ad esempio lo stress sul lavoro trascina dietro di se una dimensione soggettiva d’impotenza,  il sentimento di non potercela fare, opposto al sentimento d’impowerment che rappresenta una sensazione di potere. Nelle situazioni lavorative, ad esempio non tutti siamo in grado di raccogliere la sfida del mondo del lavoro  che si traduce  in termini di stress.

Ridurre gli “stressor” non è sempre possibile perché essi hanno molto a che vedere con le risorse soggettive che ci permettono di fronteggiarli.

Ciò accade anche in relazione al nostro ambiente sociale, dove emerge spesso la tentazione di tirarsi indietro, piuttosto che confrontarsi in una possibilità di vincita, di crescita personale.

Fronteggiare le situazioni stressanti significa ridurre e tollerare al meglio gli eventi, coscientizzando i propri limiti circa la nostra personale capacità di risposta all’ambiente.

Fare “training”  ci permette di far crescere le nostre risorse interiori e interfacciandoci allo stress con una capacità di gestione nuova, positiva.

Far fronte in modo positivo agli eventi sfavorevoli significa  superare e avanzare in termini di “resilienza” con prospettive di sviluppo personali.

Tanto più accettiamo la sfida, tanto meno diventeremo“vittime”del sentimento d’impotenza che rappresenta il substrato sul quale prende forma il fenomeno imponente dello stress.

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi