Attacchi di Panico Agorafobia - Livorno

Attacco di panico - origine Panico da Dio Pan La parola panico deriva dal “dio Pan”, metà uomo e metà caprone, che nella mitologia greca aveva il potere di comparire all’improvviso, provocando terrore improvviso per poi scomparire velocemente. I soggetti implicati nella visione, non riuscivano a spiegarsi cosa fosse successo, sopraffatti dalla forte emozione negativa, restavano spaventati e increduli. L’attacco di panico si presenta come un disturbo d’ansia, caratterizzato da attacchi frequenti, che lasciano nel soggetto il timore della loro ripetizione. Il sintomo solitamente è preceduto da una serie di sensazioni e preoccupazioni fra cui la “paura di perdere il controllo“. Colui che sperimenta il disturbo da attacco di panico (DAP) vive una forte angoscia e manifesta: tremori, aumento battito cardiaco, difficoltà nel respiro, sensazione di svenimento e dolor al torace, nonché un grande timore di collassare. Di solito l’episodio si conclude nell’arco di 10/15 minuti. Frequentemente si innesta un’ansia anticipatoria relativa al timore del suo ritorno.

Attacchi di panico: i sintomi

Gli attacchi di panico si manifestano con un improvvisa e intensa paura in assenza di un pericolo reale, sono accompagnati da sintomi somatici, dovuti all’attivazione del sistema simpatico e cognitivo quali:
  • rossore al viso, capogiri
  • sensazione di stordimento, perdita dei sensi
  • formicolii o intorpidimenti nelle mani, piedi e viso
  • sudorazione eccessiva, brividi e tremori
  • variazioni della temperatura corporea e della pressione
  • nausea, mal di stomaco, tachicardia
  • convinzione di stare sul punto di morire
  • paura d’impazzire, crisi acute di pianto.
Il carattere improvviso degli attacchi di panico portano le persone che hanno questo problema a sentirsi deboli e vulnerabili, condizione che li spinge nella direzione di cambiamento nella loro vita vita. Alla base del disturbo psicologico c’e un Io fragile e la paura di vivere la vita svincolata dai legami primari, nella necessità di afferrare le redini della propria vita, diventando nocchiere di sè stesso. Il soggetto psicologicamente provato vive gli attacchi di panico con forte sentimento di vergogna, spaventato dalla paura di fornire agli altri un’immagine di sè troppo debole. Gli attacchi di panico, imprevedibili e incontrollabili inducono i soggetti sofferenti a ricorrere con rapidità ai ripari, sentendosi particolarmente a rischio, vivono l’urgenza di entrare in cura psicoterapica, per potersi affidare ad uno psicologo competente e di esperienza, capace di farsi carico del loro disagio, come accade nei miei studi di Livorno e Lucca.

Agorafobia

L’agorafobia, è un disturbo molto simile al Disturbo di Panico e consiste nella paura di uscire all’esterno e nel desiderio di evitare qualsiasi spostamento, se non accompagnati. Si manifesta con una sensazione di disagio, forte ansia, senso di smarrimento, sensazioni si soffocamento, specie in luoghi molto affollati.

Articoli dal Blog

L’angoscia della bellezza – psicologa livorno

L’angoscia della bellezza – psicologa livorno

L’angoscia della bellezza: all’interno della società narcisistica in cui stiamo vivendo, l’individuo assegna una grande attenzione al proprio corpo, al valore estetico di esso e all’immagine che esso produce nell’apparire.

Per questo motivo assistiamo oggi ad una domanda crescente di cambiamento del reale del corpo, domanda creata dalle sempre più prestigiose tecniche della chirurgia estetica.

Questa nuova domanda ci porta a mettere in discussione il nostro corpo, ripensando al modo di viverlo, alla rappresentazione psichica e alle correlazioni psicosomatiche che ne conseguono.

leggi tutto
ll Cielo sopra Berlino: un atto d’amore e di speranza – psicologi livorno

ll Cielo sopra Berlino: un atto d’amore e di speranza – psicologi livorno

Il cielo sopra Berlino:Damiel e Cassiel sono i due angeli protagonisti, che si ritrovano per raccontarsi le reciproche esperienze, il primo è quello a cui pesa maggiormente la propria condizione in quanto desidera poter diventare uomo per percepire il senso della materia e della quotidianità. Egli sente il bisogno di superare la fase di ascolto della vita per immergervisi completamente, per lui non basta osservare la realtà e condividerne i sogni e le disillusioni, occorre entrarvi con il peso della passione e del dolore.

leggi tutto

Pin It on Pinterest

Share This