Letterarie e Cinematografica

Articoli dal blog di Raminghi Psicologa Sessuologa
Crimini e Misfatti: la Cecità Umana – Psicologo Livorno

Crimini e Misfatti: la Cecità Umana – Psicologo Livorno

In conclusione, la fiducia in una giustizia assoluta è soltanto un’illusione, il rimorso di Judah svanirà nel nulla e il suo crimine rimarrà impunito. E a Cliff, dopo il suo confronto con l’altro protagonista, non resterà che la passione per il cinema e la consapevolezza che siamo solo noi, con la nostra capacità di amare, che diamo significato all’universo.

“I Origins” tra pathos e scienza – Psicologo Livorno

“I Origins” tra pathos e scienza – Psicologo Livorno

Jan Gary è un biologo molecolare, che lavora come ricercatore in un laboratorio d’iridologia, sin dai primi anni dei suoi studi, concentra la sua attenzione sul processo evolutivo dell’occhio, tentando di dimostrare il carattere scientifico di questo processo, senza alcuna intromissione spirituale, vuole dimostrare l’impossibilità dell’esistenza di Dio. Egli è alla ricerca del gene che gli permetta di trovare l’origine zero, nella catena evolutiva dell’occhio, visto non come strumento, bensì più come sede dell’anima.

I segreti di Brokeback Mountain: mancanze e rimpianti – Psicologo Livorno

I segreti di Brokeback Mountain: mancanze e rimpianti – Psicologo Livorno

Film di splendida poesia, i paesaggi puri e solitari sono specchio dei protagonisti e dei loro sentimenti. Come tutte le storie d’amore impossibili, rispetto alla morale sociale, il film presenta una conclusione drammatica, un finale secco e silenzioso e insegna molte cose sull’amore al di là delle differenze di genere.  Lasciandoci come messaggio che l’amore chiede di essere assecondato, nonostante i pregiudizi, evitando i rimpianti.

Revolutionary Road: i volti drammatici dell’amore – Psicologo Livorno

Revolutionary Road: i volti drammatici dell’amore – Psicologo Livorno

Nella narrazione il film descrive una coppia romantica e la crescita del loro amore degli inizi, che s’inabissa sull’impossibilità di restare in contatto da un lato con la realtà, dall’altro con lo emozioni, i bisogni, i vissuti. L’inquietudine di April, ricavata dall’eccessiva idealizzazione dell’altro, costituisce, nel suo immaginario, quel “patto” che non doveva essere tradito. Smarrita ed erosa la capacità nella coppia di meta-comunicare e d’inseguire il progetto che li aveva uniti, April vive un profondo senso di smarrimento e tradimento, sentendo la sua vita perduta, alle prese con una gravidanza indesiderata di una coppia che non ha più niente da dirsi.

Sinfonia d’autunno e il dramma familiare – Psicologo Livorno –

Sinfonia d’autunno e il dramma familiare – Psicologo Livorno –

Sinfonia d’autunno. Film di Ingmar Bergman 1978. Il dramma familiare che ci mostra in questo film si gioca tutto sul rapporto madre-figlia. Ingrid nei panni di Charlotte presta volto e anima a una madre padrona, egoista, presa narcisisticamente da sé stessa, terrorizzata dalla vicinanza fisica dei suoi affetti più cari. Pianista di successo, ma fallita come madre, impegnata in una dinamica interiore di continua rimozione, che non la libera dai tormenti, dai dubbi e dal un dolore.

Pin It on Pinterest

Share This
WhatsApp chat

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi